Più economico che su tutti i
portali di prenotazione

Wellness
18. ottobre 2017

Le notti romane

una volta e oggi

La cultura balneare romana ha una tradizione che risale a migliaia di anni fa. Il bagno ebbe un ruolo importante nell'Impero romano già nel IV secolo a.C. Nello Swiss Holiday Park potete godervi questo rituale balneare tutti i giorni. E nell'evento mensile"Notte romana" nella stagione invernale, i gloriosi tempi romani tornano a vivere.

Luogo di incontro e pulizia del corpo

Gli antichi romani sapevano già che fare il bagno fa bene al corpo e all'anima. Grazie all'influenza greca, dove ancora prima prevaleva una cultura balneare attiva, nel 305 a.C. fu costruito il primo grande canale d'acqua, l'Aqua Appia, e contemporaneamente il primo bagno pubblico. Nel II secolo a.C., l'uso dei bagni pubblici era già comune. La gente si immergeva e recuperava nei vapori caldi e nelle sorgenti termali. Negli enormi palazzi balneari, tuttavia, non si festeggiava solo il bagno, ma si sfruttava anche l'occasione per scambiarsi notizie, per incuriosire e corrompere, o per scambiare pettegolezzi di paese. Un tipico bagno romano aveva spogliatoi (apodyterium), la stanza del sudore (iaconicum), un bagno caldo (caldarium), una stanza moderatamente calda (tepidarium) e un bagno freddo (frigidarium). La procedura di un bagno è stata fissata. Prima i bagnanti si sono riscaldati su una specie di area sportiva (palästra). Poi, indossando scarpe di legno, utensili da bagno e un asciugamano, i visitatori sono andati prima nel bagno freddo per pulirsi. A questo è seguito un bagno caldo con una temperatura ambiente compresa tra i 20 e i 25 gradi Celsius, dove c'erano panche e bacini d'acqua. Qui si può anche essere oliati e massaggiati dalla servitù. A ciò ha fatto seguito l'uso del laconicum con calore secco o del sudatorio caldo e umido. Trattandosi di un'invenzione greca, come dimostra, tra l'altro, il nome laconium, non era parte integrante di un impianto balneare romano e la visita era puramente facoltativa. La stanza centrale era il bagno caldo (caldarium) con una temperatura di circa 50 C. A causa del riscaldamento a pavimento, i visitatori spesso indossavano scarpe di legno per evitare di bruciarsi i piedi. La fine del bagno era di nuovo il bagno freddo (Fonte: Wikipedia)

Cos'è la cultura del bagno irlandese?

Un bagno irlandese è una miscela di antica cultura balneare romana, composta da parti dell'hammam orientale e da bagni irlandesi ad aria calda. Nel XIX secolo era usato da un medico irlandese, e i suoi pazienti lo adoravano quando prescriveva loro queste cure da bagno. Così, il bagno irlandese si è diffuso sempre più e ha avuto successo anche sul continente europeo.

Chiunque abbia sperimentato il rituale del bagno romano-irlandese sa quanto sia benefico per il corpo e per l'anima. Qui non solo chi trova le temperature di una sauna finlandese troppo alte è in buone mani. La circolazione è stimolata, il corpo è purificato e il sistema immunitario è rafforzato. Dopo una visita, ti senti come se fossi rinato. Ora che le temperature sono di nuovo più basse e la nebbia e il freddo prevalgono, un tour delle terme romano-irlandesi è un piacere speciale. E 'meglio prenotare un massaggio con la spazzola di sapone allo stesso tempo. Questo deterge la pelle, la ammorbidisce e apre i pori. Ogni ultimo venerdì del mese da ottobre a marzo (eccetto dicembre) potrete godervi una Notte Romana al Parco Vacanze Svizzero nelle terme romano-irlandesi. Questo evento di successo è in corso da 5 anni. Gli ospiti sono vestiti con una toga e trasportati indietro nel tempo nella gloriosa Roma antica. Anche Cesare non manca questa sera. La cerimonia inizia con l'apertura del sontuoso buffet mediterraneo. I posti a sedere sono limitati, quindi assicuratevi di prenotare il vostro posto in anticipo.