Più economico che su tutti i
portali di prenotazione

Inverno, consigli e trucchi
28. novembre 2017

Dare rende la gioia

essere presentato anche con regali

Fare regali a Natale è un'antica tradizione. Leggete qui sotto come si è evoluta l'usanza del dono. Sei a corto di idee? Con le esperienze di svago, l'alloggio o i buoni per il benessere, avete la garanzia di andare a fondo con il destinatario. Abbiamo anche messo insieme alcuni consigli su come evitare lo stress natalizio annuale.

Con le nostre idee regalo potete anche fare acquisti il 24 dicembre e scaricare un buono per il tempo libero. Questo è garantito per andare giù bene e far brillare gli occhi del destinatario.

C'è qualcosa di bello nel rendere felici le persone che ami con un dono. La donazione è una tradizione antica. I regali hanno avuto significati diversi. Una volta si facevano offerte per placare gli dei. Da tempo immemorabile, la gente ha portato doni per gli ospiti. Ma da dove viene la tradizione dei regali a Natale?

    Da Babbo Natale a Cristo Bambino a Babbo Natale

    Nel IV secolo, San Nicola portava piccoli doni, come le noci, il 6 dicembre. San Nicola ha vissuto nella città turca di Myra nel IV secolo ed è un santo di tutta la cristianità. Ci sono molte leggende su di lui, secondo le quali ha dato via molto e potrebbe anche fare miracoli. Si ritiene che sia l'origine del regalo di Natale. Anche a San Nicola è stato assegnato un ruolo educativo. Quando il 6 dicembre viene dai bambini, oltre al sacco di iuta con le noci, il pan di zenzero e la frutta, ha sempre con sé un bastone e viene accompagnato dal nero Schmutzli (Knecht Ruprecht), che i bambini temono tanto. Quindi la prima domanda è sempre: "Sei stato bravo quest'anno? Poi si leggono le buone e le cattive azioni e i bambini promettono di essere sempre buoni in futuro. Sappiamo tutti per esperienza personale che queste promesse sono presto dimenticate.

    Solo nel XVI secolo si è sviluppata l'usanza di fare regali, non solo nel giorno di San Nicola, ma anche a Natale. Martin Lutero cambiò l'usanza di fare i regali il giorno di San Nicola, che prima era stata abituale anche nella sua casa, alla vigilia di Natale, poiché la Chiesa protestante non conosceva alcuna venerazione dei santi. Il portatore di doni non è più san Nicola, ma il "Santo cristiano". Da questo il Cristo Bambino si è sviluppato in alcuni luoghi.

    Nel 1930, secondo l'Atlante del Folclore tedesco, Babbo Natale (nel nord e nel nord-est protestante) e il Cristo Bambino (a ovest e a sud e in Slesia) portarono i doni. Nel XVIII secolo, San Nicola portò i regali nelle zone cattoliche e il Bambino Cristo nelle regioni protestanti. Tuttavia, il Natale e il Cristo Bambino divennero sempre più popolari e superarono in rango San Nicola. Così, anche il Cristo Bambino è stato adottato dai cattolici e il dono è stato spostato alla vigilia di Natale.

    In molti paesi, tuttavia, le figure che fanno i regali non sono San Nicola o il Cristo Bambino, ma Babbo Natale, che è stato portato in America dagli olandesi come "Sinterklaas" e lì è diventato sempre più Babbo Natale nella forma attuale. In Olanda, San Nicola porta ancora i regali il 6 dicembre, e in Spagna, per esempio, i regali vengono fatti il 6 gennaio, Epifania.

    Regali una volta e oggi

    Le generazioni più anziane sanno che in passato la gente non era eccessivamente viziata con i regali a Natale, come avviene oggi. I bambini ricevevano pochi giocattoli e questi erano spesso fatti in casa. E di solito erano cose pratiche come vestiti o scarpe, uno zainetto o qualsiasi altra cosa che all'epoca era necessaria. Anche gli adulti, di solito, hanno solo cose utili, se non altro. Tuttavia, è stato ed è ancora il momento culminante dell'anno e l'emozione di vedere se il Bambino Cristo ha trovato la lista dei desideri davanti alla finestra aumenta di giorno in giorno con i bambini. Oggi, però, è un po' diverso. Si sa a malapena cosa regalare. Le camere dei bambini sono piene di giocattoli, e anche noi adulti di solito abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Mentre alcuni dicono addio al grande business dei regali e concordano tra di loro di non fare più regali, altri lo celebrano abbastanza deliberatamente. E diciamocelo: ogni donna, uomo e bambino si diverte a fare regali, anche piccoli, comunque. Ed è altrettanto bello dare ai propri cari qualcosa che si sa che farà illuminare i loro occhi.

      Come evitare lo stress natalizio

      Sei anche tu una di quelle persone che si stressano per l'Avvento e il Natale e sono contente quando le vacanze sono finalmente finite? Cucinate per giorni, cercate instancabilmente regali adatti per la famiglia, cucinate un grande ed esigente menu a Natale, invitate la famiglia e i parenti, li viziate e poi vi chiedete quando sarete esausti dopo le vacanze. Non devi fare tutto questo. Rendete il Natale quello che dovrebbe essere: vacanze rilassanti circondate dai vostri cari.

      Ecco alcuni consigli:

      • Programmare i momenti di riposo. Prendetevi sempre del tempo prima delle vacanze. Che sia per una giornata di benessere, una passeggiata nella natura o la lettura di un buon libro.
      • Ridurre la cottura al forno. Smettete di cuocere i biscotti di Natale solo perché dovete. E se cucinate, incontratevi con gli amici e discutete con chi cucinerà quale tipo di biscotti e poi scambiatevi i biscotti.
      • Pianificare i regali. Scrivete durante l'anno quello che vorreste dare ai vostri cari. Spesso si ha un'idea spontanea o un desiderio viene espresso senza alcuna intenzione particolare. Poi a Natale non si sa più tutto.
      • Doni semplici. I regali non devono essere sempre costosi. Qualcosa di piccolo, individuale o fatto da voi stessi può essere altrettanto divertente. A proposito, l'artigianato è molto rilassante.
      • Delegare i compiti. Non devi fare tutto da solo. Distribuire i compiti a tutta la famiglia.
      • Abbassate le vostre aspettative. C'è un motivo per cui la fonduta cinesina è così popolare a Natale. Un semplice pasto a Natale non rende il Natale meno festoso. Si passano meno ore in cucina e poi si è più rilassati a tavola. Nessuno si aspetta che cuciniate un pasto di 6 portate a meno che cucinare non sia la vostra passione. È anche possibile preparare molti giorni di cibo in anticipo e congelarlo.
      • Ridurre al minimo gli obblighi. Non dovete invitare o visitare tutti i vostri parenti a Natale. Tanto vale farlo una volta all'anno.