Più economico che su tutti i
portali di prenotazione

Famiglia, Lo sapevi che...
09. agosto 2019

I bambini annegano rapidamente e in silenzio

È spaventoso: l'annegamento è la seconda causa di morte tra i bambini sotto i quattro anni. Anche le piccole piscine rappresentano un pericolo. Perché?

Quando i bambini possono essere salvati dall'annegamento, spesso rimangono con gravi danni perché il loro cervello non riceve abbastanza ossigeno. Molti genitori non sono consapevoli di quanto possano essere pericolose anche le piccole piscine. Lasciano che i loro figli giochino senza supervisione vicino a specchi d'acqua, sono occupati con i loro smartphone o si distraggono mentre li sorvegliano. Vasche da bagno, piscine, ma anche stagni da giardino poco profondi o piscine per bambini rappresentano un grande pericolo. Anche 5-10 cm di acqua possono essere pericolosi per i bambini piccoli. I bambini annegano tranquillamente. Non urlano. Hanno ancora una testa sproporzionatamente grande rispetto al loro corpo e quindi cadono facilmente. Quando cadono con la testa nell'acqua, si verifica una reazione di shock, la respirazione si ferma per riflesso. Un po' più tardi, si verifica la respirazione spontanea e si inala acqua, che va direttamente nei polmoni. Il bambino diventa incosciente e il cuore si ferma. I bambini piccoli non sono in grado di riconoscere i pericoli dell'acqua. Quando giocano, non notano le onde alte, le forti correnti o altri pericoli.

Scegliere ausili per il nuoto sicuri

È importante che i genitori sappiano quali dispositivi di galleggiamento offrono sicurezza. Le ali galleggianti non sono sicure e sono adatte solo se un adulto sorveglia permanentemente i bambini. Solo i giubbotti di salvataggio che lasciano la testa in alto sono veramente sicuri. Anche qui, i bambini devono essere sotto costante osservazione.

Consigli per prevenire gli incidenti durante il bagno che coinvolgono i bambini piccoli

  • Non lasciare mai i bambini piccoli incustoditi - né nella vasca da bagno, né nella piscina per bambini o vicino a piscine poco profonde. Se sono presenti più adulti, bisogna mettersi d'accordo su chi guarderà i bambini.
  • Per essere sicuri, mettete un giubbotto di salvataggio al bambino quando è vicino all'acqua per una maggiore sicurezza.
  • Partecipare ai corsi di familiarizzazione con l'acqua e di nuoto con i più piccoli il più presto possibile. Questo è possibile a partire da circa 3 anni di età. Tuttavia, i bambini non possono imparare a nuotare correttamente fino all'età di circa 5 anni. Il cervello è quindi sufficientemente sviluppato per implementare le corrette sequenze di movimento. I corsi di nuoto sono offerti nelle piscine coperte e ora anche nello Swiss Holiday Park.
  • Anche se un bambino più piccolo sa già nuotare, la prudenza è comunque consigliata. Soprattutto quando l'acqua è fredda, quando ci sono onde o forti correnti, un bambino raggiunge rapidamente i suoi limiti. Solo a partire da circa 10 anni e con molta pratica un bambino è relativamente sicuro nel nuoto e nella valutazione dei pericoli.
  • Le piscine e le vasche per bambini devono essere sempre coperte quando non vengono utilizzate.
  • Rendere gli stagni del giardino a prova di bambino (circondare con una recinzione).
  • Chiudere in modo sicuro i barili di pioggia, le fontane, ecc.
  • Se un bambino cade in acqua e sta annegando, tiratelo immediatamente fuori dall'acqua e avvolgetelo in una coperta per prevenire l'ipotermia. Anche l'acqua relativamente calda può causare ipotermia.
  • Cercare sempre l'attenzione del medico, anche se il bambino ha ingoiato solo acqua. L'acqua può essere entrata nei polmoni.
  • Se il bambino è incosciente, deve essere messo in posizione laterale. Le vie respiratorie devono essere libere. Se il respiro e il polso del bambino non si sentono più, la rianimazione bocca a bocca deve essere eseguita immediatamente e il medico di emergenza deve essere chiamato il più presto possibile. Fino all'arrivo del medico di emergenza sulla scena, la ventilazione e il massaggio cardiaco non devono essere interrotti.
  • In nessun caso i bambini devono essere scossi o tenuti con le gambe in aria. Questo impedirà all'acqua di uscire dai polmoni.
  • Si consiglia di aggiornare regolarmente i corsi di primo soccorso.